Verso le elezioni

I dubbi di qualche ex Pd: si pensa a un "ritorno a casa"

Le difficoltà di trovare "la quadra" a sinistra starebbero inducendo una riflessione in alcuni esponenti dell'area ex dem

Politica
Molfetta venerdì 21 aprile 2017
di La Redazione
Leo Amato © n.c.

Non sembra così compatto il fronte degli ex Pd. Spifferi provenienti dall’area che veniva data praticamente a un passo dall’accordo con DèP per la composizione di una lista unica, descrivono infatti un blocco tutt’altro che monolitico.

Dopo che Tommaso Minervini, candidato sindaco di una vasta area civica, aveva praticamente ufficializzato il dialogo in corso con i Giovani Democratici, buona parte dei quali era annoverabile tra le file degli ex Dem, ora circola con insistenza una nuova voce.

In particolare una parte di quelli che avevano mollato il Pd dopo la decisione di appoggiare Minervini, starebbe ripensando di fare un passo indietro e di riabbracciare la vecchia famiglia.

In questo gruppo ci sarebbero Giulio Germinario e Leo Amato, rispettivamente ex assessore comunale ed ex presidente della Multiservizi.

Si tratta per ora solo di una suggestione, ma nemmeno tanto piccola. Alla base della decisione di fare marcia indietro ci sarebbero le difficoltà di ricostruire un centrosinistra unitario.

Restando in tema centro sinistra, ieri è stata un’altra giornata abbastanza calda. Sinistra Italiana, infatti, avrebbe incontrato Bepi Maralfa per valutare gli estremi della sua candidatura. Da parte del leader di Linea Diritta sarebbe stato formalmente ribadito il “no” a Gianni Porta. L’assemblea del movimento, peraltro, avrebbe insistito per la candidatura di Maralfa, scevra però di qualsivoglia colore politico. Vedremo quali novità ci riserveranno, a riguardo, le prossime ore.

Lascia il tuo commento