Salgono a 66 i Laboratori Urbani che, a partire dal 2016, sono stati finanziati per potenziarne gli spazi esistenti

Dalla Regione 150mila euro potenziare il Laboratorio Urbano di Molfetta

In tutto oltre 2,3 milioni di euro per rafforzare le attività in 16 Laboratori urbani della Puglia

Politica
Molfetta lunedì 25 giugno 2018
di La Redazione
Laboratori urbani
Laboratori urbani © n.c.

Oltre 2,3 milioni di euro per rafforzare le attività in 16 Laboratori urbani, con una dote di 150mila euro ciascuno per Biccari, San Nicandro Garganico e Troia, in provincia di Foggia; Barletta nella BAT; Altamura, Corato, Molfetta e Terlizzi, nella città metropolitana di Bari; Aradeo, Cutrofiano, Gallipoli, Leverano, Matino e Otranto, in provincia di Lecce; Grottaglie e Mottola, in provincia di Taranto.

«Potenziamo la rete dei Laboratori Urbani esistenti, allargando il processo di miglioramento funzionale e strumentale di questi spazi diventati campi di energia positiva per le comunità in cui si sono inseriti, dando nuova vita a immobili in disuso» afferma l’assessore regionale alle Politiche giovanili, Raffaele Piemontese, commentando gli esiti del bando scaduto a marzo scorso e rivolto ai Comuni già titolari di un Laboratorio Urbano e non beneficiari dei fondi della precedente edizione di “Laboratori Urbani in Rete”.

Con questa nuova edizione, si mobilitano 2.374.394 euro, attingendo alla sub-azione 9.14 del PO FESR 2014-2020, dedicata agli “Interventi di recupero funzionale e riuso di vecchi immobili in collegamento con azioni di animazione sociale e partecipazione giovanile“.

In tutto, salgono a 66 i Laboratori Urbani che, a partire dal 2016, sono stati finanziati per potenziarne gli spazi esistenti, certificarne la qualità in termini di accessibilità, vitalità, sostenibilità economica e vocazione all’inclusione sociale.

Un’azione delle Politiche giovanili pugliesi che è stata destinataria di importanti riconoscimenti nazionali ed europei, ultimo tra i quali l’inserimento degli spazi per i giovani pugliesi tra le best practice europee all’interno dello studio “Taking the future into their own hands”, pubblicato dalla Direzione generale Istruzione, gioventù, sport e cultura della Commissione Europea.

«Visto l’entusiasmo che ha suscitato - ha dichiarato Piemontese - stiamo svolgendo una ricognizione delle risorse per estendere la misura ad altri Comuni e laboratori».

Lascia il tuo commento
commenti