La nota

Rifondazione/Compagni di strada: «Serve chiarezza sull’uso del PalaFiorentini»

Settima interrogazione consiliare riguardante un'altra struttura sportiva

Politica
Molfetta lunedì 02 luglio 2018
di La Redazione
Una manifestazione di Rifondazione comunista
Una manifestazione di Rifondazione comunista © n.c.

La campagna di chiarezza sulla gestione del patrimonio sportivo comunale da parte di Rifondazione Comunista/Compagni di strada prosegue con la settima interrogazione consiliare riguardante un'altra struttura sportiva, il palazzetto dello sport intitolato a Nunzio Fiorentini.

“Da sempre questa struttura – spiegano – viene gestita direttamente dal Comune, senza nessun affidamento in convenzione a società sportive, per cui fortunatamente non ci sono stati problemi nel pagamento delle utenze di acque e luce che riguardano solo ed esclusivamente il Comune.

Per l'uso di questa struttura comunale, dunque, l'associazione sportiva “X” si rivolge direttamente al Comune, fa richiesta di utilizzo della struttura e paga l'uso del palazzetto secondo le tariffe orarie stabilite direttamente dall'Ente comunale.

Si tratta, quindi, di aver ben chiara la situazione relativamente ai pagamenti di queste tariffe da parte delle tante associazioni sportive che hanno utilizzato e utilizzano la struttura.

Si tratta di capire se ci sono crediti del Comune di Molfetta verso alcune associazioni e società sportive utilizzatrici del PalaFiorentini.

Crediamo che sia buona cosa riscuotere i pagamenti da quanti non li hanno ancora fatti, non foss'altro per rispetto nei confronti delle associazioni e società sportive che sono puntuali nel pagamento.

Rimaniamo in attesa di risposte a questa come a ben altre 10 interrogazioni sui problemi di gestione delle strutture spoRTifondrtive, sulle politiche abitative e sul tema della depurazione e dell’impianto di affinamento delle acque.

Ma evidentemente sindaco e assessori sono impegnati in ben altre “appassionanti” discussioni su come gestire al meglio appalti e affidamenti diretti di lavori e incarichi di progettazione”.

Lascia il tuo commento
commenti