Alla Santa Famiglia

Bellissima e imprevedibile: quante sorprese nella serata del torneo delle confraternite!

Pareggio rocambolesco tra Santo Stefano e Sant’Antonio. Nel primo match successo della Visitazione

Calcio
Molfetta sabato 23 giugno 2018
di Luigi Caputi
Il torneo delle confraternite
Il torneo delle confraternite © molfettalive.it

Serata non per deboli di cuore, quella di ieri al torneo delle Confraternite. C'è stata una metereopatica corrispondenza tra l'inedita pioggia torrenziale, o se vogliamo tropicale, abbattutasi sul finire della serata sul suolo molfettese, e il rocambolesco e sorprendente esito dei match disputati sul terreno di gioco della Santa Famiglia.

La prima partita, iniziata alle 21, ha visto Visitazione imporsi per 11-7 su Buon Consiglio. Dominatore incontrastato è stato De Pinto, con ben cinque gol messi a segno. Le altre reti per Visitazione si sono distribuite tra Luigi De Gennaro e Cosimo Sancilio (entrambi autori di una doppietta), e De Bari e De Cesare (con un sigillo a testa).

Per Buon Consiglio non sono stati sufficienti i sette gol rifilati agli avversari: sullo scudo Germinario con una tripletta; ottima la prova di Bergliaffa, autore di una doppietta; a segno anche Fanelli e Squeo. La gara è stata caratterizzata da grande agonismo, determinazione talvolta eccessiva, ritmi forsennati che nel finale sono costati piccoli infortuni ai danni di più di un protagonista.

Su medesimi binari di non banalità, sino a giungere ad esiti di imprevedibilità, s'è indirizzato il secondo match, quello tra i favoriti di Sant'Antonio e gli arciconfratelli di Santo Stefano. Quanto accaduto si è opposto ad ogni pronostico. Santo Stefano, dopo qualche buona azione offensiva, si è portata in vantaggio in maniera davvero incredibile.

Sergio De Candia, senza grandi pretese, ha tentato la fortuna dalla lunghissima distanza, con un tiro piuttosto debole, basso e centrale. Antonio Minervini, che sin qui ci aveva abituato spesso a miracoli tra i pali, è incappato in una papera che Pellegatti non avrebbe esitato a definire sesquipedale.

Il pareggio di Sant'Antonio è stato immediato, firmato dal solito ispiratissimo Pasculli con un velenoso diagonale di destro. Dopo un finale di primo tempo ricolmo di ghiottissime chance fallite, l'arciconfraternita si è riportata in vantaggio con Domenico Campo, finalizzatore di una ripartenza rifinita da Mastrorilli.

La reazione avversaria, a dire il vero poco veemente, è stata comunque costretta ad abbattersi sulla reattiva opposizione dell'altro Campo in campo, il Sant'Antonio di Santo Stefano.

Quindi, ancora in contropiede, è arrivato il 3-1: i panni di assistman, tanto per cambiare, sono stati indossati da Mastrorilli; stavolta il bomber è stato Goffredo. In questo momento, quando ormai la sorpresa è sembrata compiersi definitivamente, ecco che l'acquazzone notturno ha portato con sé un energico vento di cambiamento.

Da spenti, stanchi e scoraggiati che erano stati, i bianchi si sono ritrovati arrembanti e inarrestabili alla ricerca della rimonta. In 5' i gol di Pasquale De Gennaro e Duracino hanno portato lo score sul 3-3.

In zona Cesarini Sant'Antonio ha persino sfiorato il sorpasso. Il triplice fischio ha posto fine ad ogni ulteriore imponderabile. È finita senza vincitori né vinti, travolgente e ribaltatrice di destini, la serata tropicale di ieri.

Lascia il tuo commento
commenti